I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Continuando la navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

Ing. Giuseppe Mazzucato

Consulenza Informatica ed Organizzativa

Logo

FAQ Mini Centralino


MiniPBXNei mesi scorsi gli utilizzatori del mini centralino hanno fatto domande dei tipi più disparati. Alcune di queste, che sono risultate più frequenti o che hanno valenza generale, sono raccolte in questa pagina.

 

 

Quali sono le credenziali per l'accesso da shell e all'interfaccia web?

Accesso shell utente root password raspi; Accesso web utente admin password admin

 

Come si carica l'immagine sulla scheda microSD?

L'immagine va prima di tutto decompressa nel PC e poi trasferita nella scheda microSD utilizzando il comando dd in linux/mac o il programma win32diskimager in windows. Non si può caricarla facendo una semplice copia del file nella scheda microSD perchè il file immagine contiene una "fotografia" del competo disco incluse le partizioni e file system e file in essi contenuti. Se correttamente configurata la scheda conterrà due partizioni una FAT per il boot ed una ext4 (illeggibile da windows) per il sistema raspian.

 

Come si modifica l'indirizzo IP del mini centralino?

Dalla versione 2016-10 impostare l'IP Statico editando il file /etc/dhcpcd.conf e modificare l'ultima parte del contenuto

Dalla Versione 2019-04 l'indirizzo IP può essere impostato tramite interfaccia web utilizzando il modulo "Raspberry Admin"

 

Cosa fare se quando vado a decomprimere l'immagine zippata mi da errore di archivio danneggiato?

Provare a riscaricare il file e ad utilizzare 7-zip per decomprimere il file

 

E' possibile ottenere supporto a pagamento sul mini centralino?

Ovviamente si, normalmente  è sufficiente qualche mezz'ora di consulenza per adattare il PBX alle proprie esigenze. Contattateci per conoscere le nostre tariffe

 

Come si fa per modificare i loghi sull'interfaccia web?

I loghi si impostano in freepbx nel menu "Advanced Settings" nella sezione "Styling and Logos" che però non è di default visibile. Per renderla visibile attivare la voce "Display Readonly Settings" nello stesso menu.

 

Quali programmi si possono usare su android per poter collegarsi al centralino?

Ci sono tantissimi client VoIP/SIP che girano su Android, Abbiamo provato alcuni tra i più popolari (Linphone, CSipSimple, Sipdroid, Zoiper) senza incontrare particolari problemi.

 

Come si configura un telefono IP o un softphone per utilizzarlo con il mini centralino?

La configurazione di un “end point” SIP dipende ovviamente dal produttore e dal modello ma i parametri fondamentali da configurare sono sempre e comunque tre:

- Il nome utente, a volte indicato anche come “register name” che coincide con il numero di interno (ad esempio 200, 201, 202 etc)

- L'indirizzo del SIP server che coincide con l'indirizzo IP del centralino (di default 192.168.88.100)

- La password, a volte indicata come “secret” impostata nella sezione Interni.

 

Come si connette una linea telefonica analogica tradizionale al centralino?

Per interfacciare la linea tradizionale con il mondo VoIP è ecessario un gateway che abbia una porta analogica di tipo FXO. Ad esempio il Grandstream HT-503 è un modello economico.
Come alternativa si può effettuare un trunk SIP diretto verso un operatore VoIP eventualmente richiedendo anche la portabilità del numero.
Una ultima possibilità, nel caso la linea analogica sia fornita da telecom italia con l'offerta denominata "fibra", è quella di creare un trunk diretto con il modem Telecom senza bisogno di gateway aggiuntivi.

Come si attiva il modulo fail2ban?

Per far partire il servizio digitare da console il comando "service fail2ban start" e per fermarlo "service fail2ban stop" per fare in modo che parta automaticamente ad ogni avvio dare il comando "update-rc.d fail2ban enable"

Dalla Versione 2019-04 fail2ban può essere attivato tramite interfaccia web utilizzando il modulo "Raspberry Admin"

end faq

 

Cerca nel sito

Chiamaci

 

 

 

 

Powered by WebRTC

Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare

Eraclito